Il fisco riesce a controllare il 2% dei contribuenti
September 18, 2017

L’Agenzia passa già all’avviso bonario per l’Iva del primo trimestre!

Come da nostra precedente news e come ci si poteva attendere, l’Ufficio Entrate una volta ricevuti i dati telematici delle liquidazioni Iva del primo trimestre passa già alla richiesta di incasso per l’Iva omessa per questo inizio 2017. Sono infatti in arrivo proprio in questi giorni i primi avvisi bonari relativi a tali omissioni.

Pertanto si restringono di molto i tempi per la ricezione dell’avviso bonario riportante le sanzioni del 10%. A titolo esemplificativo, basti pensare che le omissioni relative a tutto l’anno 2015 sono state recapitate solamente pochi mesi fa (dopo circa un lasso di tempo di circa 15-20 mesi); per il 2017 a distanza di 3-4 mesi dalla scadenza Iva del 16/05/2017 il contribuente deve invece già affrontare l’avviso bonario.

Altro aspetto pertanto evidente è che con queste tempistiche le possibilità di gestire i carenti o omessi versamenti con il ravvedimento operoso spontaneo (con sanzioni ridotte) diventano sempre meno percorribili.