Non si può non comunicare!
February 23, 2017
Accortezze dalla reception…
March 2, 2017

Le differenze inventariali

La presente news prende spunto dalla recente Cassazione del 18 gennaio scorso, di cui ne riportiamo un estratto, per ritornare sull’importanza del redigere l’inventario di magazzino al 31/12/N con puntualità e maggor precisione possibile.

La Suprema Corte in tema di presunzioni ribadisce come, a seguito verifiche inventariali -> si presumono ceduti i beni acquistati, importati o prodotti che non si trovano nei luoghi in cui il contribuente svolge le proprie operazioni.

Detta presunzione non opera soltanto se è dimostrato che i beni stessi sono stati:

  1. utilizzati per la produzione, perduti o distrutti;
  2. consegnati a terzi in lavorazione, deposito o altro titolo non traslativo della proprietà.

Il richiamato articolo segnala come “le eventuali differenze quantitative, derivanti dal raffronto tra le risultanze contabili e consistenze delle rimanenze registrate costituiscono presunzione di cessione o di acquisto per il periodo d’imposta oggetto del controllo

Nonostante, le variazioni nella consistenza del magazzino non siano da porsi automaticamente in relazione a finalità di evasione dell’imposta, è pur assodato come le presunzioni da differenze inventariali siano dunque presunzioni legali, con le quali la legge dà per avvenuto un certo fatto fino a prova contraria, da fornirsi però esclusivamente con i mezzi tassativamente indicati dalla legge stessa.

A tal fine ricordiamo nel caso si proceda allo smaltimento di magazzino obsoleto (si pensi a prodotti scaduti), il titolare deve conservare o il foglio di smaltimento della ditta incaricata, oppure in caso di smaltimento effettuato direttamente dal titolare, redigere un atto notorio per la denuncia di smaltimento.